La Leggenda dei Frati

Ristoranti | Piazzale Michelangelo Area


Cosa pensano di noi i nostri clienti...

Costa San Giorgio 6/A, 50125 - Firenze
http://www.laleggendadeifrati.it/index.html
+39 055 068 0545
info.laleggendadeifrati.it


Unisciti alla conversazione:
tripadvisor facebook instagram yelp

Leggenda dei Frati si trova nel giardino di Villa Bardini, in quella che era la scuderia dell’antica dimora, abitata nel secolo scorso dal collezionista d’arte Stefano Bardini dalla cui terrazza poteva abbracciare la Città con un unico sguardo.


Recensito dallo staff...


Descrizione

a Leggenda narra che ad Abbadia Isola, in provincia di Siena in Toscana, una lontana notte di luglio, tre frati raccolsero i migliori germogli del loro orto ed i migliori frutti delle loro vigne e prepararono nella grande cucina un pranzo fatto con i migliori tesori della loro terra, e ne mangiarono e ne bevvero cosi tanto che iniziarono a cantare e ballare senza sosta fino a notte fonda. Gli altri fratelli, non riuscendo né a dormire né a fermarli, decisero di chiuderli nella stanza più alta della torre dell’Abbazia, ma i tre non si fermarono mai e andarono avanti a ballare e cantare per giorni e notti intere. Ancora oggi, nell’antico convento, il giorno 11 luglio, come allora, è possibile sentire gli echi schiamazzanti dei tre frati fantasma ancora inebriati dai frutti della loro terra: erbe, olio, pane e Vino. Il Ristorante “ La leggenda dei Frati “ dedica il suo nome a questo racconto. Originariamente questo Ristorante nasce all’interno della vecchia abbazia di Abbadia Isola a Siena,luogo che è stato per me e mia moglie, conosciuta sui banchi della scuola alberghiera, un primo centro di ricerca che ha permesso di raccogliere e sperimentare il vasto ricettario del territorio, diventando in breve tempo laboratorio culinario e di sperimentazione della nuova gastronomia toscana. Oggi la “nuova” Leggenda dei Frati si trova nel giardino di Villa Bardini, in quella che era la scuderia dell’antica dimora, abitata nel secolo scorso dal collezionista d’arte Stefano Bardini dalla cui terrazza poteva abbracciare la Città con un unico sguardo:Benvenuti a Firenze, Benvenuti a casa nostra ! Filippo Saporito e Ombretta Giovannini. "Benvenuti a casa nostra !"